venerdì 28 novembre 2014

The paradise


Titolo: The Paradise
Anno: 2012
Genere: drama

The Paradise è una serie del 2012 prodotta dalla BBC basata sul romanzo dello scrittore francese Emile Zola, Al paradiso delle signore. Al contrario del libro però la serie è ambientata nel nord est inglese del 1870. 


The Paradise racconta la storia d'amore di Denise, una commessa del grande magazzino che dà il nome alla serie, e John Moray, proprietario del suddetto. Quest'ultimo riesce tramite varie idee innovative a farsi pubblicità e a portare fama al suo negozio. 
Oltre questi due personaggi è importante la figura della signorina Glendenning che, innamoratasi del proprietario del negozio, escogiterà vari modi per farsi sposare da Mr Moray, arrivando addirittura a minacciare di privarlo il suo amato negozio. 



La storia è semplice ed i personaggi, pur essendo pochi, hanno delle storie che ruotano intorno a loro ben costruite. Da Clara, ragazza dai facili costumi per l'epoca, a Miss Audrey, donna spaventata dall'amore che si pente delle sue scelte del passato. 

E' un peccato che nella versione italiana siano state tagliate molte scene, si tratta di quasi 15 minuti mancanti a puntata che talvolta non fanno capire come ad un personaggio sia arrivata una certa informazione oppure tralasciano l'intera storia di personaggi secondari come Arthur, il bambino cresciuto nel Paradise.


Le musiche sottolineano le scene piene di pathos anche se devo ammettere che, anche se la storia merita, il telefilm in se stesso è un po' lento. 
In alcuni casi mi ha dato poco calore e avrei voluto vedere, nel finale, le reazioni di alcuni personaggi alla scelta improvvisa di Mr Moray
Sicuramente un prodotto ben fatto, come sempre per la BBC, da guardare quando non si desidera qualcosa di impegnativo.

Le scene più belle
video

video


Voto: 4/5

1 commento:

  1. "The Paradise" è una bellissima confezione con un contenuto deludente: notevoli la fotografia e l'ambientazione, ma dialoghi piatti, niente pathos (a parte, forse, la corsa finale di Moray), niente tensione, eventi che si sviluppano troppo velocemente. Probabilmente quei 15 minuti tagliati avrebbero potuto rendere alcune vicende più interessanti, ma il prodotto mi ha attratto così poco che non sono abbastanza curiosa da andare a cercare le scene mancanti.
    Forse è stato un bene che si siano fermati alla seconda stagione.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...