lunedì 19 ottobre 2015

Sandman - Il signore dei sogni


Titolo: Sandman - Il signore dei sogni
Titolo originale: Sandman
Autore: Neil Gaiman
Casa editrice: Panini comics
Anno: 2005
Genere: fantastico/orrorifico

Sandman - Il signore dei sogni è una raccolta delle storie più belle della serie a fumetti creata da Neil Gaiman tra il 1989 e il 1996. 
Il protagonista della serie è conosciuto con diversi nomi, tra i quali Sogno, Morfeo, Oneiros, il Plasmatore, ed è un Eterno che governa sul regno dei sogni e si nutre di questi ultimi. 
Come ci ricorda il titolo della saga, il personaggio si rifà al racconto di Hoffman, Der Sandman, cambiando però le attitudini violente del personaggio, che qui appare meno cruento rispetto al suo ispiratore. Sogno è alla continua ricerca di qualcuno con cui condividere la sua vita, ma, a causa delle responsabilità che il suo ruolo gli impone, non riesce a mantenere a lungo le sue relazioni.


Gli Eterni sono delle entità che regolano e governano molti degli aspetti della vita umana. Essi sono sette fratelli, tra i quali ricopre un ruolo di spicco la sorella maggiore, Morte, quella a cui probabilmente ci si può relazionare di più. 
La cosa simpatica è che, nella versione originale, tutti e sette gli Eterni hanno in comune la lettera iniziale del loro nome: D (Destiny, Death, Dream, Destruction, Desire, Despair, Delirium).

In questo volume in particolare sono presenti alcune storie (Le terre del sogno) in cui la presenza del protagonista è ridotta all'osso - carina Mondo dei gatti, che pare abbia influenzato anche un episodio della serie Futurama- ed una, La stagione delle nebbie, in cui è evidente il cambiamento del protagonista: egli, infatti, dopo aver avuto a che fare per migliaia di anni con gli uomini, da essere freddo incapace di gestire i sentimenti umani, diventa un essere capace di soffrire e governare le proprie sensazioni. Egli fa così in modo di tornare sui suoi passi per modificare situazioni negative che proprio egli stesso aveva contribuito a creare.


Tutta l'opera è disseminata di riferimenti letterari che si rifanno soprattutto alle mitologie. E' così che troviamo come guardiani del palazzo di Sogno una viverna, un grifone ed un cavallo alato, mentre al suo interno, come ospiti, saltano all'occhio le figure di Caino e Abele. Appaiono inoltre le parche, e Sogno possiede un corvo che ricorda molto quello presente nell'opera di Poe. La religione, poi, è molto presente in tutte le sue sfumature, dalla presenza di Lucifero e Lilith, con qualche riferimento al Paradiso perduto di Milton, a quella del dio giapponese Susanoo.
Lo stesso Sandman, con la storia dedicata al salvataggio dagli inferi della sua amata Nada, riprende il mito di Orfeo ed Euridice che era stato già citato precedentemente riguardo alla sua storia con la musa Calliope (personaggi che graficamente ricordano molto Sid Vicius e Nancy).

Una delle idee che mi sono piaciute di più è quella della libreria presente nel palazzo di Sogno che contiene un numero infinito di volumi mai scritti, ma solo pensati o sognati dai loro autori.


La cosa che invece mi ha lasciato un po' spiazzata è il fatto che l'opera non ha un unico disegnatore. Ogni storia, infatti, ha un illustratore diverso, che ritrae le storie in base al proprio stile seguendo i bozzetti originali di Gaiman e di Dringernberg per quanto riguarda la creazione del personaggio di Morte.

Da ricordare, in questo volume, la storia Sogno di una notte di mezza estate, vincitrice nel 1991 del World fantasy award come miglior racconto.

Se non lo avete letto ve lo consiglio, con Sandman vi si aprirà un mondo nuovo.

Voto: 4/5

1 commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...